User Questions for the Nutritionist

Category ID Date Question Answer Status
Category ID Date Question Answer
Psoriasi e sintomi 76 10/21/2015 3:09:37 PM Does this question go now in a different interface, than my question at the nutrition part?
Psoriasi e qualità di vita 86 10/26/2015 11:24:58 AM 123 123 answer
Consigli sulla dieta 104 11/6/2015 8:51:25 AM This is about nutrition required
Consigli sulla dieta 124 11/11/2015 5:02:35 PM PROVA 1
Psoriasi e qualità di vita 125 11/11/2015 5:03:03 PM PROVA 2
Psoriasi e alimentazione 126 11/11/2015 5:03:19 PM PROVA 3
Altro 202 12/5/2015 6:58:37 PM Soffro di psoriasi palmo-plantare, con secchezza estrema e fessurazioni sul palmo della mano e sulla pianta di entrambi i piedi. La sto tenendo sotto controllo con dermatar la sera, aureocort sulle fessurazioni e olio di mandorle e creme all' ossido di zinco per alleviare il prurito notturno. Cosa posso utilizzare invece per elasticizzare la pelle ed evitare le fessurazioni? Grazie. Gentile Paziente, innanzitutto grazie per l’interesse mostrato. Il mio consiglio da Nutrizionista è quello di unire alla terapia farmacologica un sano e corretto stile di vita il quale è particolarmente efficace per la psoriasi. Questa malattia, infatti, è influenzata da molti fattori tra cui l’alimentazione, ma non dimentichiamo che la predisposizione genetica e lo stress giocano un ruolo rilevante. L’alimentazione incide in quanto, se sbilanciata, porta ad alterazioni del quadro metabolico (con aumenti della glicemia, del colesterolo e dei trigliceridi) che portano ad aumenti dell’infiammazione e peggioramento della psoriasi. Particolarmente importante è seguire una dieta di tipo mediterraneo ricca di sostanze ad azione antiossidante, abolire l’eventuale abitudine al fumo di sigaretta e praticare attività fisica di tipo aerobico almeno 3 volte alla settimana per non meno di 40 minuti. Una sana e corretta alimentazione, soprattutto se basata su alimenti di tipo mediterraneo quali cereali non raffinati, pesce azzurro 3 volte alla settimana e 5 porzioni tra frutta e verdura al giorno, risulta particolarmente importante per i pazienti affetti da psoriasi per due motivi: il primo è la riduzione dell’infiammazione cronica grazie agli antiossidanti degli alimenti mediterranei con effetti benefici sul prurito, sull’entità delle chiazze e sulla salute della pelle in generale; il secondo, non meno importante, è il controllo delle malattie di carattere metabolico (come il diabete, l’ipercolesterolemia e le malattie cardiovascolari) che purtroppo sono frequentemente associate alla psoriasi e dove l’alimentazione svolge un ruolo di fondamentale importanza. In bocca al lupo.
Psoriasi e alimentazione 203 12/5/2015 10:37:07 PM Thé e Caffé influiscono a far peggiorare le condizioni di una persona affetta da psoriasi lieve? Purtroppo non esistono evidenze scientificamente provate che singoli alimenti sono responsabili o meno del peggioramento del quadro clinico della psoriasi, piuttosto bisogna porre attenzione a un corretto stile di vita il quale è particolarmente efficace per la psoriasi. Questa malattia, infatti, è influenzata da molti fattori tra cui l’alimentazione, ma non dimentichiamo che la predisposizione genetica e lo stress giocano un ruolo rilevante. L’alimentazione incide in quanto, se sbilanciata, porta ad alterazioni del quadro metaboliche (ad esempio della glicemia, del colesterolo e dei trigliceridi) che aumentano l’ infiammazione e peggiorano la psoriasi. Il mio consiglio è quello di seguire una dieta di tipo mediterraneo ricca di sostanze ad azione antiossidante, abolire l’eventuale abitudine al fumo di sigaretta e praticare attività fisica di tipo aerobico almeno 3 volte alla settimana per non meno di 40 minuti. Tè e caffè sono bevande ricche di antiossidanti in grado di contrastare i radicali liberi e fornire sostanze benefiche per la salute. Ovviamente, come per tutti gli alimenti, non è corretto abusare. Il consumo moderato di queste bevande, in assenza di altre problematiche di salute, non è controindicato. In bocca al lupo.
Altro 204 12/6/2015 12:38:04 PM Salve, ho la psoriasi da circa 4 anni, ho 39 anni, concentrata su gambe piedi mani e gomiti, inoltre ho sempre dolori articolari alla mano destra. Ho provato tante creme ma senza risultati. Ho appena iniziato a fare una cura di vitamina d e omega3. Sa qualcosa di questa cura? Pensa ci siano metodi ancora più efficaci? Grazie Francesco Gentile Paziente, innanzitutto grazie per l’interesse mostrato. Un corretto stile di vita è particolarmente efficace per la psoriasi, il mio consiglio è quello di seguire una dieta di tipo mediterraneo ricca di sostanze ad azione antiossidante, abolire l’eventuale abitudine al fumo di sigaretta e praticare attività fisica di tipo aerobico almeno 3 volte alla settimana per non meno di 40 minuti. In particolare una dieta ricca in pesce, le garantisce un giusto apporto di acidi grassi della serie omega 3 oltre che a una quota di vitamina D. L’eventuale integrazione deve essere concordata con il Suo medico o il Suo Dermatologo. In bocca al lupo.
Psoriasi e qualità di vita 214 12/11/2015 10:38:18 AM Buongiorno Dott. Martella, Mi chiamo Giada e ho 35 anni. Soffro Di psoriasi da circa 12 anni. Sono fortunata rispetto a tanti altri casi, perche' l'ho solo sviluppata Sui gomiti ed alcuni altri punti Delle gambe. Ultimamente pero' e' comparsa nella zona genitale e questo mi sta rendendo la vita un Po' difficile e in alcuni casi imbarazzante. Non seguo una dieta specifica, pero' sto attenta per quello che posso , mangio frutta e verdure Di stagione, pesce, legumi e cereali . Da 5 anni ho eliminato il latte e da quasi 2 anni la carne. Ci sono pero' Delle cose che purtroppo so che non vanno bene, il Fumo e i dolci!! Forse per questo non ho visto un grande miglioramento nella Mia situazione! Sono convinta che quello che mangiamo influisce Molto Su questa patologia, provero' ad impegnarmi e Le faro' sapere. Ad ogni modo, Le voleva chiedere Se puo' consigliarmi una lozione che abbia effetto sul prurito. Grazie e mi scuso Di questa lunga email, Ma non ne parlo tanto Di questa cosa :-) Ciao Giada, ho letto con grande attenzione la tua storia e prima di tutto ti ringrazio1 Condivido quello che hai scritto riguardo l'importanza dell'alimentazione ma da dermatologo sottolineo che la Psoriasi è una patologia molto complesso e come tale richiede anche un approccio farmacologico e/o dermocosmetico. Intuisco dalle tue parole l'attenzione che hai per la tua pelle, per il tuo aspetto, come è giusto che sia, e proprio per questo motivo il consiglio etico e professionale che mi sento di scrivere è di consultare un dermatologo per capire esattamente il trattamento più idoneo da seguire specifico per te. Grazie ancora
Consigli sulla dieta 216 12/12/2015 2:22:27 PM Gentile Dott. Barrea, ho 50 anni e soffro di psoriasi da quando avevo 8 anni.Sono in cura presso il centro Psocare del Policlinico di Napoli e assumo da circa 2 anni il Metrotexate 10mg. Cerco di seguire una dieta corretta e nell'ultimo periodo ho perso circa 6 kg. Quello che vorrei sapere è se ci soni alimenti consigliati per la psoriasi e quali sono quelli che sarebbe preferebile evitare. La ringrazio in anticipo. Cordiali saluti Maria Teresa Pavone Gentile Sig.ra Maria Teresa Pavone, innanzitutto grazie per l’interesse mostrato. Alcuni alimenti possono portare a peggiore il quadro clinico della psoriasi, anche se la letteratura scientifica non ha valutato, ad oggi, il ruolo dei singoli alimenti. Un regime dietetico controllato di tipo mediterraneo porta al miglioramento del PASI, che come ben saprà, è un indice di severità della psoriasi. La dieta è importante in quanto, se sbilanciata, cioè ricca di grassi animali e povera di frutta e verdura, aumenta il grado di infiammazione sistemica (sommandosi all’infiammazione della psoriasi) con aumento delle chiazze e del prurito. Ma questo non è l’unico effetto negativo. Infatti una scorretta alimentazione porta con sé alterazioni metaboliche (ad esempio aumento della glicemia, del colesterolo e dei trigliceridi) che portano ad aumentare l’infiammazione, peggiorando il quadro clinico della psoriasi e aumentando le probabilità di sviluppare diabete mellito di tipo 2, obesità e ipercolesterolemia. In conclusione, per rispondere alla Sua domanda, gli alimenti che consiglio di escludere sono: - Carne grassa (hamburger, carne macinata, pelle del pollo, arrosti) - Insaccati (mortadella, salame, salsiccia, cotechino) - Prodotti conservati in scatola e precotti industriali - Prodotti prefritti - Pane fatto con strutto o altri grassi di tipo animale - Biscotti industriali con creme e cioccolata - Succhi di frutta - Merendine confezionate - Burro, strutto, panna, margarina, lardo, pancetta, olio di cocco, olio di palma, - Bevande superalcoliche - Salse tonnate, patè, maionese. Meglio consumare con moderazione, invece, formaggi fusi e stagionati, dolci a base di burro, panna montata, uova, cibi speziati e fritture. Infine, sarebbe utile basare la dieta su alimenti che hanno un effetto benefico sulla salute della pelle, quali: frutta e verdura di stagione ricchi di antiossidanti e di fibra - pesce azzurro ricco di omega 3 che riducono l’infiammazione sistemica - cereali di tipo integrale ricchi di selenio e altri antiossidanti - olio extravergine d’oliva come unico grasso da condimento per l’elevato contenuto di vitamina E - pane, pasta e riso preferibilmente integrali - Alimenti ricchi di antiossidanti: beta-carotene (carote, pomodori, peperoni gialli, bietole, spinaci, albicocche, meloni, arance); flavonoidi (mirtilli, ciliegie, fragole, lamponi, cipolle, cavolo rosso); vitamina C (agrumi, broccoli, cereali integrali, soia, prezzemolo, ginseng); vitamina E oli extravergine di oliva, frutta e semi oleosi (noci, nocciole), legumi, ortaggi a foglia. Porti i miei saluti al Prof. Balato, resto a Sua disposizione per eventuali chiarimenti. Cordialmente, Dr. Luigi Barrea.
Consigli sulla dieta 217 12/12/2015 2:24:00 PM Gentile Dott. Barrea, ho 50 anni e soffro di psoriasi da quando avevo 8 anni.Sono in cura presso il centro Psocare del Policlinico di Napoli e assumo da circa 2 anni il Metrotexate 10mg. Cerco di seguire una dieta corretta e nell'ultimo periodo ho perso circa 6 kg. Quello che vorrei sapere è se ci soni alimenti consigliati per la psoriasi e quali sono quelli che sarebbe preferebile evitare. La ringrazio in anticipo. Cordiali saluti Maria Teresa Pavone Gentile Sig.ra Maria Teresa Pavone, innanzitutto grazie per l’interesse mostrato. Alcuni alimenti possono portare a peggiore il quadro clinico della psoriasi, anche se la letteratura scientifica non ha valutato, ad oggi, il ruolo dei singoli alimenti. Un regime dietetico controllato di tipo mediterraneo porta al miglioramento del PASI, che come ben saprà, è un indice di severità della psoriasi. La dieta è importante in quanto, se sbilanciata, cioè ricca di grassi animali e povera di frutta e verdura, aumenta il grado di infiammazione sistemica (sommandosi all’infiammazione della psoriasi) con aumento delle chiazze e del prurito. Ma questo non è l’unico effetto negativo. Infatti una scorretta alimentazione porta con sé alterazioni metaboliche (ad esempio aumento della glicemia, del colesterolo e dei trigliceridi) che portano ad aumentare l’infiammazione, peggiorando il quadro clinico della psoriasi e aumentando le probabilità di sviluppare diabete mellito di tipo 2, obesità e ipercolesterolemia. In conclusione, per rispondere alla Sua domanda, gli alimenti che consiglio di escludere sono: - Carne grassa (hamburger, carne macinata, pelle del pollo, arrosti) - Insaccati (mortadella, salame, salsiccia, cotechino) - Prodotti conservati in scatola e precotti industriali - Prodotti prefritti - Pane fatto con strutto o altri grassi di tipo animale - Biscotti industriali con creme e cioccolata - Succhi di frutta - Merendine confezionate - Burro, strutto, panna, margarina, lardo, pancetta, olio di cocco, olio di palma, - Bevande superalcoliche - Salse tonnate, patè, maionese. Meglio consumare con moderazione, invece, formaggi fusi e stagionati, dolci a base di burro, panna montata, uova, cibi speziati e fritture. Infine, sarebbe utile basare la dieta su alimenti che hanno un effetto benefico sulla salute della pelle, quali: frutta e verdura di stagione ricchi di antiossidanti e di fibra - pesce azzurro ricco di omega 3 che riducono l’infiammazione sistemica - cereali di tipo integrale ricchi di selenio e altri antiossidanti - olio extravergine d’oliva come unico grasso da condimento per l’elevato contenuto di vitamina E - pane, pasta e riso preferibilmente integrali - Alimenti ricchi di antiossidanti: beta-carotene (carote, pomodori, peperoni gialli, bietole, spinaci, albicocche, meloni, arance); flavonoidi (mirtilli, ciliegie, fragole, lamponi, cipolle, cavolo rosso); vitamina C (agrumi, broccoli, cereali integrali, soia, prezzemolo, ginseng); vitamina E oli extravergine di oliva, frutta e semi oleosi (noci, nocciole), legumi, ortaggi a foglia. Porti i miei saluti al Prof. Balato, resto a Sua disposizione per eventuali chiarimenti. Cordialmente, Dr. Luigi Barrea.
Psoriasi e sintomi 220 12/14/2015 9:01:26 AM Buon giorno Dottore. Nell'inverno 2014 ho accusato dei tagli al dito indice della mano sn trattati inizialmente con normalissime creme (pensavo ad una disidratazione dovuta al freddo). Dopo qualche mese in occasione di una visita dermatologica di una parente il medico mi ha diagnosticato la psoriasi da trattare con crema al cortisone con dosi a scalare (non ho nessuna certificazione). Per il primo periodo è andata bene ma, come interrompevo, il fenomeno si riacutizzava (desquamazione della pelle fino a vere e proprie lacerazioni). Quest'autunno ho effettuato una visita specialistica (in struttura sanitaria) e non mi è stata diagnosticata alcuna psoriasi ma una semplice secchezza della pelle da trattare con altre pomate acquistabili liberamente in farmacia. Da circa due mesi questa secchezza si è "trasportata" al secondo dito della mano dx ed al terzo dito della mano sn (in corrispondenza dell'unghia); la fronte presenta secchezza eccessiva e mi sembra che anche il cuoio capelluto sia meno "grasso" del solito; il secondo dito della mano sn adesso presenta una formazione "dura" simile al colorito di una crosta. Oggi ho letto il giornale ed ho appreso della vostra esistenza. Potrebbe darmi qualche consiglio. Ringrazio anticipatamente. Ciao, prima di tutto ho l'impressione che ci sia un pò di confusione, molto probabilmente di ruoli professionali, perché all'inizio mi sembra di intuire che ci sia stato un consulto semplicemente da parte del medico di famiglia e poi successivamente del dermatologo. Di sicuro, però non c'è stata congruenza diagnostica e quindi di conseguenza il trattamento non è stato idoneo. Sono convinto che sia giunto il momento di dare un nome e cognome alla sua problematica consultando nuovamente un dermatologo, lo specialista di riferimento ogni volta che è presente un problema sulla pelle, che deve visitarla per cogliere e osservare tutte e manifestazioni che lei ha descritto. Tutto ciò è fondamentale per la diagnosi. Poi, vedrà che a seguire con la terapia corretta riuscirà a gestire perfettamente tutto quanto.
Psoriasi e qualità di vita 249 12/23/2015 2:27:20 PM idrocolonterapia??? Cosa ne pensate? Ho cambiato completamente alimentazione e stile di vita da un anno con un miglioramento incredibile... La psoriasi è passata dall'80% al 10%...in questi punti è molto resistente e non riesco proprio a liberarmene... Quindi con 'libero arbitrio' sono convinto che il processo depurativo abbia bisogno di una spinta in più!!! Suggerimenti??? Ciao, mi fa molto piacere che la tua Psoriasi sia migliorata e tanto ma da dermatologo non ho competenza e soprattutto esperienza per quanto riguarda i possibili benefici dell'idrocolonterapia nella Psoriasi. Ho provato anche ad eseguire una ricerca mirata in letteratura medica e non ho trovato nulla, nessun lavoro scientifico specifico. Lieto se continuasse ad aggiornarci e soprattutto la invito ad evitare il fai da te e a consultare sempre un dermatologo per quanto riguarda il trattamento della Psoriasi
Altro 260 1/2/2016 6:55:58 PM Salve..mio padre è affetto da psioriasi piuttosto diffusa al cuoi capelluto,avambraccio,braccio,ginocchio e sedere..posso mandarvi anke alcune foto!fino ad ora ha seguito una terapia orale e attraverso unghento ma nulla da fare..sembra sempre piu in aumento,sappiamo ke non si toglie ma non.vediamo nessun risultato positivo..cosa mi consigliate? Ciao, QualityCare™ non è un servizio di consulenza diagnostica e terapeutica a distanza ma di condivisione e confronto tra i pazienti e i professionisti del settore. La Psoriasi è una patologia complessa e nell'interesse di suo padre suggerisco di consultare il dermatologo, il medico specialista di riferimento, per un inquadramento diagnostico e per le indicazioni terapeutiche mirate. Infine, la ringrazio per la sua fiducia e forse un domani non molto lontano saremo capaci anche di soddisfare appieno la sua iniziale richiesta.
Psoriasi e alimentazione 286 1/14/2016 10:36:38 AM Buongiorno, ho notato che spesso mangiando determinati ortaggi (pomodoro, peperone) ho aumentato del fastidio legato alla psoriasi a placche di cui soffro da alcuni anni. Devo eliminare questi aleimenti o li posso mangiare con alcuni accorgimenti? grazie Gentile paziente, innanzitutto La ringrazio per l’interesse mostrato al servizio QualityCare™. Purtroppo, ad oggi, non ci sono evidenze scientificamente provate che singoli alimenti sono responsabili o meno del peggioramento del quadro clinico della psoriasi, piuttosto bisogna porre attenzione a un corretto stile di vita dietetico il quale è particolarmente efficace per la psoriasi. Questa malattia, infatti, è influenzata da molti fattori tra cui l’alimentazione. Il mio consiglio è quello di seguire una dieta di tipo mediterraneo ricca di sostanze ad azione antiossidante, abolire l’eventuale abitudine al fumo di sigaretta e praticare attività fisica di tipo aerobico almeno 3 volte alla settimana per non meno di 40 minuti. Per rispondere direttamente alla Sua domanda, se riferisce questo fastidio, in mancanza di prove scientifiche valide, il mio consiglio è quello di provare a sospendere l'assunzione di pomodoro e peperone, uno alla volta per un mese e successivamente a reintrodurre tali alimenti, sempre uno alla volta, e segnare su un diario eventuali variazioni della psoriasi, a patto però che non modifichi altre abitudini (esempio attività fisica) nel periodo di prova. Solo in questo modo possiamo provare che, questi alimenti, possono peggiorare la Sua psoriasi, sottolineando però che ad oggi, questa evidenza scientifica nella popolazione generale non è presente e potrebbe trattarsi solo di una Sua ipersensibilità verso questi alimenti. Spero di essere stato esaustivo nella risposta. Resto a Sua disposizione per ulteriori chiarimenti. Cordialmente, Dr. Luigi Barrea
Psoriasi e qualità di vita 287 1/14/2016 10:43:16 AM Buongiorno, soffro di psoriasi da alcuni anni e recentemente ho ripreso ad andare in piscina per fare nuoto. Mi sembra che dopo la piscina il livello di secchezza delle macchie aumenti, è legato al cloro dell'acqua? posso continuare la piscina? devo seguire degli accorgimenti prima / dopo il nuoto? grazie mille Gentile paziente, innanzitutto La ringrazio per l’interesse mostrato al servizio QualityCare™. Praticare attività fisica, sia individuale che di gruppo, ha diversi effetti benefici per il nostro organismo, ed in particolare anche per la salute della pelle, oltre a contribuire al benessere psicologico. È bene distinguere però lo sport da praticare in base al tipo di psoriasi. Se la Sua psoriasi è localizzata esclusivamente alla cute, l’attività fisica, soprattutto quella aerobica (passeggiata a passo svelto, corsa, etc), risulterà vantaggiosa non solo per la salute della pelle, ma porterà benefici anche alla Sua “salute metabolica”, contribuendo al mantenimento di un normale peso corporeo e al miglioramento del quadro clinico metabolico (colesterolo, trigliceridi, glicemia, etc), dato che è ormai noto come le persone affette da psoriasi hanno maggiore probabilità di sviluppare sovrappeso/obesità e patologie ad essa correlate (diabete, ipertensione, etc). Diverso il caso in cui siamo in presenza di psoriasi artropatica (che oltre alla cute, coinvolge le articolazioni). In questo caso il mio consiglio è quello di non improvvisare le attività fisiche, ma concordarle con i medici reumatologi, ortopedici e fisiatri, al fine di poter migliorare non solo l’attività motoria ma anche la qualità di vita. Detto ciò, rispondo alla Sua domanda. Il mio consiglio è quello di continuare assolutamente la piscina. Non ci sono dati che il cloro contenuto nell’acqua della piscina peggiori la psoriasi. Il cloro della piscina, al limite, può avere un lieve effetto irritante sulla pelle. Un accorgimento è quello di fare la doccia dopo la piscina ed idratare bene il corpo, onde evitare che il cloro dell'acqua provochi eccessiva secchezza della pelle. Spero di essere stato esaustivo nella risposta e resto a Sua disposizione per ulteriori chiarimenti. Cordialmente, Dr. Luigi Barrea
Psoriasi e qualità di vita 291 1/17/2016 4:38:25 PM Buona sera, Seguo una terapia a base di gel. Prima ne facevo una a base di unguento. Possibile che l'unguento risultava più efficace sulla mia psoriasi? Grazie I. Gentile utente, la formulazione di un prodotto è sicuramente importante nella veicolazione del farmaco e quindi anche del suo assorbimento e in assoluto non rappresenta l’unica variabile che condiziona l’efficacia di un farmaco
Psoriasi e sintomi 293 1/18/2016 11:50:39 AM Buongiorno, soffro di un forte prurito e vorrei calmarlo ma tutti i prodotti usati fino ad ora non funzionano. Potrebbe suggerirmi qualche gel efficace? Grazie Gentile utente, prima di tutto grazie per aver contattato la piattaforma QualtyCare. Leggendo la sua storia non ho ben compreso se lei viene seguito o meno da un dermatologo e di conseguenza se ricorre o meno all’automedicazione per gestire il problema della Psoriasi. Focalizzare l’attenzione solo sul sintomo del prurito non credo possa giovarle nella gestione complessiva della Psoriasi. Le consiglio di consultare un dermatologo perché faccia i punto della sua situazione e di conseguenza le suggerisca l’approccio migliore per il suo caso.
Psoriasi e qualità di vita 336 2/12/2016 9:52:04 PM Buona sera, attualmente sono in trattamento ciclico con clobesol da 3 settimane. Mi sono accorto che dopo una decina di giorni che smetto, la psoriasi ritorna più grave. Cosa posso fare? Grazie Mario Gentile Mario, è noto che alla sospensione del cortisonico si ha sempre un effetto rebound ovvero la Psoriasi, nel caso specifico, può comparire nuovamente. Leggendo il suo commento non ho ben compreso se viene seguito da un dermatologo oppure fa tutto da se. Se fosse vero che ricorre al fai da te le consiglio caldamente di consultare sempre un dermatologo perché la gestione della Psoriasi non è così semplice come può semplicisticamente sembrare. Confido nella sua comprensione augurandomi che segua il mio consiglio.
Psoriasi e alimentazione 350 2/21/2016 6:08:29 PM quali cibi evitare? Gentile paziente, innanzitutto La ringrazio per l’interesse mostrato al servizio QualityCare™. Purtroppo, ad oggi, non ci sono evidenze scientificamente provate che singoli alimenti sono responsabili o meno del peggioramento del quadro clinico della psoriasi, piuttosto bisogna porre attenzione a un corretto stile di vita dietetico il quale è particolarmente efficace per la psoriasi. La psoriasi infatti, è influenzata da molti fattori tra cui l’alimentazione. In particolare alimenti che dovrebbe escludere o comunque limitare notevolmente sono:  - Carne grassa (hamburger, carne macinata, pelle del pollo, arrosti) e insaccati (mortadella, salame, salsiccia, cotechino),  - Prodotti conservati in scatola e precotti industriali,  - Prodotti prefritti,  - Pane che utilizza come grasso lo strutto o altri grassi di tipo animale,  - Biscotti industriali con creme e cioccolata,  - Succhi di frutta (per il contenuto in zuccheri semplici),  - Merendine e dolci confezionati,  - Burro, strutto, panna, margarina, lardo, pancetta, olio di cocco, olio di palma,  - Bevande superalcoliche,  - Salse tonnate, patè, maionese. Anche formaggi fusi e stagionati, dolci a base di burro, panna montata, uova, cibi speziati e fritture dovrebbero essere consumati con moderazione. Deve invece basare la Sua alimentazione su alimenti che hanno un effetto benefico sulla salute della pelle, quali:  - Frutta e verdura di stagione ricchi di antiossidanti e di fibra,  - Pesce azzurro ricco di omega 3 che riducono l’infiammazione sistemica,  - Cereali di tipo integrale ricchi di selenio e altri antiossidanti,  - Olio extravergine d’oliva come unico grasso da condimento per l’elevato contenuto di vitamina E,  - Alimenti ricchi di antiossidanti: beta-carotene (carote, pomodori, peperoni gialli, bietole, spinaci, albicocche, meloni, arance); flavonoidi (mirtilli, ciliegie, fragole, lamponi, cipolle, cavolo rosso); vitamina C (agrumi, broccoli, cereali integrali, soia, prezzemolo, ginseng); vitamina E oli extravergine di oliva, frutta e semi oleosi (noci, nocciole), legumi, ortaggi a foglia. Il mio ultimo consiglio è quello di abolire, qualora fosse presente, l’eventuale abitudine al fumo di sigaretta e praticare attività fisica di tipo aerobico almeno 3 volte alla settimana per non meno di 40 minuti. Spero di essere stato esaustivo nella risposta. Resto a Sua disposizione per ulteriori chiarimenti. Cordialmente, Dr. Luigi Barrea
Psoriasi e sintomi 355 2/25/2016 12:37:29 AM Premetto che ho 40 anni e sono una paziente psoriasica lieve da circa 25 anni . Ultimamentein seguito a una tonsillite essudativa a placche e all'assunzione di un antibiotico "clarmac" ( claritromicina) una volta guarita, a distanza di 10 gg circa, ho avuto delle intense manifestazioni di psoriasi guttata sullo sterno , pancia e schiena con forte prurito, chiedo se vi è correlazione tra le due malattie. Gentile utente, Le confermo che dopo un episodio infettivo, quale la tonsillite, si può manifestare un peggioramento della Psoriasi in generale e più spesso la comparsa della forma guttata. Ottima osservazione! Le consiglio di consultare un dermatologo per gestire al meglio e quanto prima tale peggioramento clinico. La ringrazio per aver contattato il servizio Quality Care
Altro 356 2/25/2016 4:42:52 PM Buonasera dott., sono a richiederle un parere in merito alla diagnosi che di seguito riporto che fino ad ora non ha trovato soluzione: diagnosi: dermatite spongiosica cronica lichenificata. La ringrazio anticipatamente del tempo che vorrà dedicarmi. Tonino Caro Tonino, prima di tutto grazie per aver contatto il servizio di QualityCare il quale però è esclusivamente dedicato alla Psoriasi. Da dermatologo, consapevole che a volte è necessario rivedere l’approccio terapeutico, Le consiglio caldamente di consultare nuovamente il suo specialista per fare il punto della situazione augurandoLe di poter risolvere quanto prima il suo problema.
Psoriasi e qualità di vita 358 2/28/2016 3:27:00 PM Buongiorno, ho 61 anni da circa 5 anni sono affetta da psoriasi postulosa ai talloni dei piedi. All'ospedale di sant'angelo lodigiano, mi hanno prescritto lo zorias, 10 mg al giorno, ho sospeso perche' ho avuto tutte le controindicazioni (caduta capelli, secchezza pelle pruriti etc.), vado avanti con creme emollienti, chiedo qualche consiglio. Gentile utente, il trattamento della Psoriasi richiede sempre il consulto del dermatologo evitando assolutamente il fai da te. Sono ben consapevole che a volte si possono verificare delle situazioni simili a quelle da lei descritte ma queste non devono mai spingere il paziente a mollare e soprattutto a perdere il contatto professionale con il dermatologo. Le consiglio di consultare nuovamente il suo specialista di fiducia per rivedere insieme il quadro clinico e definire un nuovo approccio terapeutico
Psoriasi e sintomi 386 3/14/2016 9:33:23 AM Buongiorno, è possibile se fino ad ora (dopo circa 5 anni) non si è avuta una buona risposta alla terapia con un farmaco, quindi poi interrotto o comunque usato con scarsa costanza e continuità, è possibile che nel tempo la risposta possa cambiare? Grazie in anticipo Silvia Casagrande Gent.ma Silvia, è possibile anche se non è possibile confermalo con certezza prima di eseguire nuovamente la cura. Tutto ciò è dovuto al fatto che la Psoriasi è una patologia imprevedibile sia per quanto riguarda il suo decorso sia per quanto riguarda la risposta terapeutica. Grazie per aver contattato il servizio di QualityCare
Psoriasi e alimentazione 481 4/20/2016 7:21:39 PM Gent.mo Dr Barrea, Sono una ragazza di 24 affetta da psoriasi dall'età di 2 anni. Negli ultimi anni ho subito un aumento del peso corporeo soprattutto a livello addominale, gonfiore e ritenzione idrica. Nel frattempo le manifestazioni cutanee della psoriasi sono peggiorate e di recente, durante un periodo di studi negli States, ho avuto episodi di vomito subito dopo i pasti (accertata non essere di natura organica). Riscontro beneficio solo quando non mangio molto (limitandomi ad un piatto di verdure e frutta) e faccio almeno un paio d'ore di intensa attività fisica. Soffro inoltre della sindrome dell'ovaio policistico e di GERD. Gestire la mia alimentazione è diventato impossibile così come trovare uno specialista che possa guidarmi in un percorso terapeutico. Le sarei grata se potesse darmi dei consigli e indicazioni su come procedere nell'individuazione dei fattori eziologici della mia condizione che possano influenzare o essere influenzati dalla psoriasi. Grazie Gentile paziente, innanzitutto La ringrazio per l’interesse mostrato al servizio QualityCare™. Come cercherò di spiegarLe, tutti i Suoi problemi clinici hanno un solo filo conduttore: l’infiammazione. Iniziamo dal peso corporeo. La psoriasi è una malattia definita “multifattoriale”, dipende cioè da diverse cause, sia di natura genetica che ambientale. Tra i fattori ambientali sicuramente l’alimentazione gioca un ruolo rilevante. L’alimentazione incide perché, se sbilanciata, porta ad alterazioni del quadro metabolico (con aumenti dell'insulina e della glicemia, del colesterolo e dei trigliceridi) che portano ad aumenti anche dell’INFIAMMAZIONE e peggioramento della psoriasi (che è una patologia su base infiammatoria). Oggi, la psoriasi, non è più considerata solo come una malattia ad esclusivo coinvolgimento cutaneo, ma come una vera e propria patologia «sistemica», associata cioè a numerose altre patologie infiammatorie (come ad esempio la Sindrome dell’Ovaio Policistico "PCOS"). Infine, il sovrappeso, soprattutto a livello addominale, aumenta l'infiammazione e ha un ruolo importante non solo nella psoriasi e nella PCOS (legate fra loro dall’infiammazione) ma predispone ad altre patologie, come il Reflusso Gastroesofageo. Altre condizioni che contribuiscono al reflusso gastroesofageo sono: stress, diversi alimenti che predispongono o aggravano la sintomatologia del reflusso, aumentando l’acidità gastrica, fumo di sigaretta e l'assunzione cronica di alcuni farmaci. Cosa posso consigliarLe di fare praticamente? Particolarmente importante è seguire una dieta di tipo mediterraneo ricca di sostanze ad azione antiossidante, abolire l’eventuale abitudine al fumo di sigaretta e praticare attività fisica di tipo aerobico almeno 3 volte alla settimana per non meno di 40 minuti. Una sana e corretta alimentazione, soprattutto se basata su alimenti di tipo mediterraneo quali cereali non raffinati, pesce azzurro 3 volte alla settimana e 5 porzioni tra frutta e verdura al giorno, risulta particolarmente importante per i pazienti affetti da psoriasi per due motivi: il primo è la riduzione dell’infiammazione cronica grazie agli antiossidanti degli alimenti mediterranei con effetti benefici sul prurito, sull’entità delle chiazze e sulla salute della pelle in generale; il secondo, non meno importante, è il controllo delle malattie di carattere metabolico (come il diabete, l’ipercolesterolemia e le malattie cardiovascolari e nel suo caso la PCOS) che purtroppo sono frequentemente associate alla psoriasi e dove l’alimentazione svolge un ruolo di fondamentale importanza. Infine, data la Sua complessa situazione, non solo dermatologica, ma anche Endocrinologica, Le consiglio di rivolgersi a un Nutrizionista specializzato nella gestione della psoriasi e delle comorbilità ad essa correlate, al fine di ricevere non solo indicazioni, ma una terapia dietetica personalizzata al fine di ridurre l'infiammazione, il sovrappeso, migliorare il quadro ormonale e gestire al meglio anche la condizione della PCOS e del reflusso gastroesofageo. Spero di essere stato esaustivo nella risposta. Resto a Sua disposizione per ulteriori chiarimenti. Cordialmente, Dr. Luigi Barrea
Psoriasi e qualità di vita 482 4/20/2016 8:02:06 PM Gent.mo Dr Martella, Sono una ragazza di 24 anni affetta da psoriasi guttata lieve-moderata dall'età di 2 anni. Negli ultimi anni ho, tuttavia, riscontrato un peggioramento con erruzione delle manifestazioni cutanee anche a livello periorbitale, cuoio capelluto e in corrispondenza dell'adipe (fianchi, addome). Inoltre, ho subito un inspiegabile aumento del peso corporeo (soprattutto circonferenza addominale con gonfiore e continua senzazione di pienezza) e riscontro beneficio solo quando mi limito a mangiare un piatto di verdure e faccio almeno due ore intense di attività fisica. Ammetto di essere abbastanza stressata, ma il mio stile di vita, seppur sedentario per il lavoro, è abbastanza sano (non fumo, non bevo, faccio attività fisica). Da circa tre anni mi è stata diagnosticata la sindrome dell'ovaio policistico (in trattamento con Mio-inositolo) e GERD (IPP all'occorenza). Recentemente, durante un periodo di studi negli States, ho avuto episodi di vomito durante i pasti di accertata natura non organica che vorrei approfondire adesso che sono rientrata in Italia. Sono molto preoccupata per le manifestazioni cutanee nel contorno occhi e per la difficoltà a trovare un'alimentazione adeguata che non peggiori la mia qualità di vita. La ringrazio anticipatamente per l'attenzione e supporto. Ciao, hai descritto benissimo e in maniera completa la tua situazione clinica e si evince chiaramente quanto disagio ti arreca. Credo che la situazione migliore più che andare avanti per tentativi per quanto riguarda l’alimentazione è di consultare un dermatologo per capire se anche le manifestazioni alle palpebre sono riconducibili alla Psoriasi guttata. Poi, sarebbe altrettanto interessante consultare almeno il medico di medicina generale per capire le ragioni del “gonfiore” addominale. Tutto questo perché lo stress è un elemento importante ma non credo possa giustificare tutto quanto.
Psoriasi e alimentazione 523 6/16/2016 12:02:51 PM Buongiorno, vorrei sapere se ci sono degli alimenti che devono essere evitati e quali invece sono consigliati. Ringrazio anticipatamente. Fabrizia Gentile Sig.ra Fabrizia, innanzitutto La ringrazio per l’interesse mostrato al servizio QualityCare™. Anche se ad oggi non ci sono evidenze scientificamente provate che singoli alimenti sono responsabili o meno del peggioramento del quadro clinico della psoriasi, diversi studi medici che hanno indagato i rapporti tra nutrizione e psoriasi, hanno dimostrato come i soggetti che hanno un'alimentazione di tipo mediterraneo, avevano una minore gravità clinica della patologia. La psoriasi infatti, essendo una patologia a carattere infiammatorio, può essere esacerbata da alcuni alimenti pro-infiammatori. Detto ciò, praticamente, gli alimenti che dovrebbe escludere o comunque limitare notevolmente nella Sua alimentazione per non peggiorare il quadro clinico della psoriasi sono: *Carne grassa (hamburger, carne macinata, pelle del pollo, arrosti) e insaccati (mortadella, salame, salsiccia, cotechino), *Prodotti conservati in scatola e precotti industriali, *Prodotti prefritti, *Pane che utilizza come grasso lo strutto o altri grassi di tipo animale, *Biscotti industriali con creme e cioccolata, *Succhi di frutta (per il contenuto in zuccheri semplici), *Merendine e dolci confezionati, *Burro, strutto, panna, margarina, lardo, pancetta, olio di cocco, olio di palma, *Bevande superalcoliche, *Salse tonnate, patè, maionese. Anche formaggi fusi e stagionati, dolci a base di burro, panna montata, uova, cibi speziati e fritture dovrebbero essere consumati con moderazione. Deve invece basare la Sua dieta su alimenti che hanno un effetto benefico sulla salute della pelle e che riducono l’infiammazione grazie all’apporto di polifenoli, vitamine e Sali minerali, quali: *Frutta e verdura di stagione ricchi di antiossidanti e di fibra, *Pesce azzurro ricco di omega 3 che riducono l’infiammazione sistemica, *Cereali di tipo integrale ricchi di selenio e altri antiossidanti, *Olio extravergine d’oliva come unico grasso da condimento per l’elevato contenuto di vitamina E, *Alimenti ricchi di antiossidanti: beta-carotene (carote, pomodori, peperoni gialli, bietole, spinaci, albicocche, meloni, arance); flavonoidi (mirtilli, ciliegie, fragole, lamponi, cipolle, cavolo rosso); vitamina C (agrumi, broccoli, cereali integrali, soia, prezzemolo, ginseng); vitamina E oli extravergine di oliva, frutta e semi oleosi (noci, nocciole), legumi, ortaggi a foglia. Il mio ultimo consiglio è anche quello di abolire, qualora fosse presente, l’eventuale abitudine al fumo di sigaretta e praticare attività fisica di tipo aerobico almeno 3 volte alla settimana per non meno di 40 minuti. Spero di essere stato esaustivo nella risposta. Resto a Sua disposizione per ulteriori chiarimenti. Cordialmente, Dr. Luigi Barrea
Psoriasi e sintomi 525 6/16/2016 4:56:26 PM Buonasera dott. Martella, riesco a tenere abbastanza sotto controllo la mia psoriasi; anni fa ho acquistato una lampada a uso domiciliare che aiuta molto. Continuo a usare anche i prodotti da applicare localmente e così alterno le terapie. Desideravo chiederle - la mia in realtà è una sebopsoriasi - se ci sono accorgimenti ulteriori che potrebbero essere utili e se ci può essere, e magari quale, una integrazioni con prodotti che risulterebbe essere di qualche aiuto. Grazie per l'attenzione. Un cordiale saluto. Ciao, anche per la Sebopsoriasi le indicazioni sono simili a quelle della Psoriasi. Sono molto lieto che riesca a gestire bene la sua problematica però consiglio anche nel suo caso di consultare periodicamente il dermatolologo per monitorare la situazione evitando di perseverare sempre con lo stesso trattamento. Grazie mille per aver contattato il servizio di QualityCare
Altro 529 6/20/2016 5:15:46 PM Salve, Per un parente che a una psoriasi gittata, che ultimamente peggiorò , cosi il medico gli fece fare un ciclo di ciclosporina, dopo la fitoterapia che non rispondeva. vorrei chiedere quale è l' esperienza dei pazienti riguardo le nuove cure, parlo del Apremilast- otezla- in Italia? Inoltre se questa medicina possa essere prescritta a chi ha la pso gittata, non tanto estesa. E se ci sarebbero altri medicinali in arrivo? Grazie della pazienza Ciao, per il trattamento della Psoriasi ci sono diversi trattamenti e di solito il dermatologo in base alla tipologia e all’ entità della patologia prescrive l’approccio più idoneo. Per farlo valuta anche le condizioni generali di salute della persona. Generalmente l’approccio ideale per la Psoriasi Guttata è la fototerapia. Se questo trattamento o altri di tipo sistemico fossero risultati inefficaci si potrebbe valutare la terapia con il farmaco citato. Grazie per aver contattato QualityCare
psoriasi dermatologo domande 551 7/16/2016 2:24:43 PM Buongiorno Dottor Martella, le scrivo di nuovo per un Suo consiglio. Ho usato di recente un campione di un prodotto contenente sodio lattato al 30% che mi ha dato un buon risultato soprattutto quanto lenitivo del prurito e levigatezza della pelle. Ho contattato una farmacia che fa preparazione galeniche, e per loro è possibile l'utilizzo di questo componente. Siccome alcune localizzazioni della mia psoriasi riguardano tutte le unghie (mani e piedi) volevo chiederLe se, in alternativa a quanto uso solitamente - urea al 40% o acido salicilico al 10% - con modesti risultati, potrebbe risultare utile una preparazione di sodio lattato con una percentuale del 40 o 50%. Un ultima domanda, ultimamente avverto dolori alle articolazioni e mi è venuto da pensare a una concomitanza di artrite psoriasica; c'è qualche esame o controllo che potrebbe evidenziare o chiarirmi su questo timore. Se si trattasse di una conferma, quali potrebbero essere le terapie? Grazie dell'ascolto. Un cordiale saluto. Salve, mi fa veramente piacere leggere nuovamente un suo commento che ci testimonia come il servizio di QualituyCare possa essere utile a chi come lei soffre di Psoriasi. Ho letto la sua richiesta e c’è un aspetto che ritengo fondamentale e da approfondire e mi riferisco alla frase quando scrive che avverte dei solori articolari. A tal proposito, il suo intuito potrebbe essere corretto e l’Artrite Psoriasica andrebbe confermata o esclusa. Se non lo sa la diagnosi tempestiva della forma articolare è fondamentale per evitare i danni irreversibili alle articolazioni. Proprio per questo consiglio caldamente e il prima possibile il consulto del dermatologo per fare il punto sulla sua attuale situazione e valutare insieme cosa fare nel suo interesse e per la sua salute. Infine, vedrà che il dermatologo visitandola avrà modo di valutare meglio e più approfonditamente di come possa fare io in questo momento lo stato delle sue unghie e quindi consigliarle la soluzione migliore. Lieto se mi aggiornasse dopo la visita del dermatologo
psoriasi dermatologo domande 559 8/3/2016 9:55:19 AM test atcore test ok
psoriasi dermatologo domande 560 8/3/2016 10:54:43 AM test test ok
psoriasi dermatologo domande 565 8/16/2016 7:26:07 PM Salve dottote volevo domandarle, ho preso una scottatura solare in testa e il rossore sta andando via lentamente oggi sono al quarto giorno e ho applicato gel aloe vera. I capelli in quella zona cadranno? Se si, per sempre? Gentilissimo utente, grazie per la fiducia dimostra nei confronti del servizio QualityCare dedicato alla Psoriasi e alle sue problematiche. Per il suo problema specifico il consiglio migliore che le posso dare è di consultare il suo dermatologo di fiducia.
psoriasi dermatologo domande 578 9/5/2016 12:27:05 PM Gentile dott. Martella, le scrivo un po' per aggiornarla sugli ulteriori passi che lei mi aveva indicato di fare. Ebbene ho fatto una visita dermatologica - avvilente - dove faccio presente i miei problemi; all'indicazione della psoriasi ungueale ottengo, prima di finire l'esposizione, un "per quella non c'è niente da fare"....il che non è proprio vero. Per l'indagine di artrite psoriasica mi comunica la competenza del reumatologo. Per problema di prurito e irritazione al cuoi capelluto, che ho da mesi, mi dice di non vedere nulla.... Mi attendevo, da altri precedenti controlli dermatologici, questo tirar via sui problemi presentati dal paziente. Ora, sinceramente, non so quale consistenza possa avere un ulteriore controllo reumatologico! Certo che questi comportamenti non nobilitano la professione medica; e dopo qualcuno si chiede il perché del fai da te o l'affidarsi a internet...è sconfortatante ma è molto raro trovare un medico che presti ascolto. L'impressione è di una burocratizzazione stanca che non si preoccupa del paziente, questo purtroppo anche in situazione molto più serie. E' che questi medici sono pagati da noi e sono pagati molto bene. Perdoni questo sfogo in un sito che è dedicato ad altro, ma quando leggo "si rivolga allo specialista" in molti siti medici, già vedo cosa questo comporti. E allora ben venga internet con tutte le sue inesettezze bufale imprecisioni ecc. I miei problemi restano e un po' di soldini se ne sono andati proprio per niente. Un cordiale saluto. Gent.mo paziente, rispondo riportando Le sue stesse parole che condivido in pieno:” questi comportamenti non nobilitano la professione medica”. E’ proprio così e aggiungo che per colpa di alcuni ci rimette tutta la categoria! Mi astengo dal commentare il comportamento del collega e La invito a non perdere la fiducia nei confronti dei medici perché mi creda che ce ne sono altrettanti che esercitano con dedizione la loro professione. Le auguro di incontrarne uno il prima possibile! Per quanto riguarda Internet è uno strumento prezioso e importante del quale è necessario conoscere e apprezzare vantaggi e limiti evitando di immaginare che possa sostituire del tutto la relazione medico-paziente. Sono profondamente mortificato per quanto Le è accaduto e mi creda quando scrivo che sono anche questi i motivi per cui quotidianamente, oltre alla mia attività in studio, mi dedico attivamente a progetti nobili quali QualitCare e Myskin perché fermamente convinto che la salute della persona, la nostra salute, passa dall’informazione, importante per la conoscenza del problema, e dalla condivisione e per condividere è necessario prima ascoltare. Alessandro Martella
psoriasi dermatologo domande 584 9/16/2016 9:25:27 PM Salve, sono un ragazzo di 39 anni, con un psoriasi grave che prima controllavo con il dovobet, ma ora la superfice è troppo estesa e stiamo provando con trattamenti sistemici. il fatto è che essendo un alcolista cronico ho seri problemi epatici. Secondo lei potrei provare ugualmente? E infine c'è uno stretto collegamento tra alcolismo e psoriasi? Grazie Ciao, è evidente che abbiamo due grandi problemi la Psoriasi che in questo momento si sta manifestando in maniera grave e l’alcolismo. Scritto ciò è importante che il tuo dermatologo valuti prima di qualunque trattamento la funzionalità di organi quale il fegato, soprattutto, ma anche i reni e le altre funzioni vitali per poi valutare l’eventuale trattamento. Infine, non esiste un’associazione diretta tra alcolismo e Psoriasi e probabilmente solo indiretta. In sostanza la Psoriasi potrebbe avere delle ripercussioni psicologiche tali da averti indotto all’alcolismo. Se posso mi permetterei, sempre che non lo stai già facendo, di focalizzare la tua attenzione oltre che sulla Psoriasi anche sull’alcolismo. Grazie per averci contattato.
psoriasi dermatologo domande 597 10/25/2016 5:23:35 AM Quali sono le terapie che danno più risultati? Gent.mo utente, teoricamente la domanda è pertinente ma praticamente non è possibile dare una risposta univoca perché le variabili da prendere in considerazioni sono molteplici tipo ad esempio: - Variante clinica della Psoriasi - Entità della manifestazione dermatologica - Condizioni di salute della persona Se soffre di Psoriasi le consiglio di consultare il dermatologo perché valuti in dettaglio il suo specifico caso clinico.
psoriasi dermatologo domande 598 10/25/2016 10:17:13 AM Buongiorno ho delle macchie rosse sulle gambe e alcuni puntini rossi che tendono a ingrandirsi vorrei sapere cosa posso usare e anche sui gomiti con desquamazione della pelle Salve, ho letto la sua storia e confesso di non aver compreso se si tratta di Psoriasi e prima ancora se per il problema descritto ha già consultato un dermatologo per una diagnosi. Se così non fosse consiglio di farlo perché, ringraziando per la fiducia nei nostri confronti, QualityCare non è un servizio per fornire indicazioni su trattamenti e terapia o formulare diagnosi a distanza. Ringrazio vivamente per averci contattato ma consiglio di consultare prima il dermatologo.
psoriasi dermatologo domande 614 11/12/2016 5:42:33 PM asdasdasd asdasdasd
psoriasi dermatologo domande 630 12/6/2016 7:08:21 PM Salve, sono una donna in gravidanza di 30 anni affetta da psoriasi. Prossima al parto, vorrei sapere se durante il periodo dell'allattamento è possibile sottoporsi a fototerapia (che negli anni è sembrata essere la cura più efficace per tenere a bada la malattia)? Grazie, saluti. Matilde. Ciao Matilde, teoricamente è possibile eseguire durante l’allattamento la fototerapia anche se il mio personale consiglio è di consultare prima il dermatologo per individuare e condividere insieme il trattamento meglio indicato in base al tipo e allo stato della sua Psoriasi.