Come funzionano i farmaci topici

benefici psoriasi

Scopri di più sui principi attivi contenuti nei trattamenti topici

Cheratolitici

Gli agenti cheratolitici sono principi attivi che aiutano ad ammorbidire e rimuovere le squame. L'acido salicilico è quello più comunemente utilizzato. La rimozione e l’ammorbidimento dello strato cutaneo esterno può aiutare a gestire le placche dei pazienti affetti da psoriasi. Inoltre, può consentire ad altri trattamenti topici di penetrare la pelle in modo più efficace. I cheratolitici si presentano sotto forma di lozioni, gel, saponi e shampoo e di solito possono essere acquistati senza prescrizione medica. I prodotti con una concentrazione elevata di agente cheratolitico possono causare irritazione se lasciati troppo a lungo a contatto con la pelle. Infine, questo principio attivo può indebolire i fusti piliferi e causare la perdita temporanea dei capelli.

Catrame di carbone

Il catrame di carbone aiuta a rallentare la rapida crescita delle cellule cutanee e ad alleviare sintomi come l’infiammazione e l’irritazione. Il catrame di carbone deriva dal carbone e viene offerto in molte diverse concentrazioni e formulazioni, per esempio: shampoo, pomata etc. Quanto maggiore è la concentrazione, tanto maggiore sarà l'effetto. Molti di questi prodotti con una bassa concentrazione di principio attivo vengono venduti senza prescrizione medica.

I potenziali effetti collaterali dell'uso del catrame comprendono irritazione, arrossamento, secchezza della pelle. Il catrame può inoltre macchiare gli indumenti, le lenzuola e scolorire i capelli, specialmente quelli chiari. Occorre tener presente che il catrame rende la pelle più sensibile alla luce del sole e può rimanere attivo sulla cute per 24 ore. E’ quindi consigliabile usare una protezione solare dopo avere applicato prodotti a base di catrame.

Steroidii

Gli steroidi (corticosteroidi) agiscono sull’aumento di spessore delle placche, riducendo l’infiammazione, alleviano il prurito e bloccano la produzione di cellule cutanee in modo da impedirne l’accumulo. Gli steroidi sono disponibili in formulazioni e concentrazioni differenti e, i trattamenti con una concentrazione minore possono essere acquistati senza prescrizione medica. Potenziali effetti collaterali degli steroidi includono compromissione cutanea, denominata anche atrofia, che si manifesta come assottigliamento della pelle o alterazione della pigmentazione. Inoltre, se applicati su vaste aree cutanee, oppure utilizzati per lunghi periodi di tempo, gli steroidi possono essere assorbiti attraverso la pelle e danneggiare gli organi interni.

Vitamina D

La vitamina D – in alcune forme sviluppate sinteticamente - può rallentare la crescita delle cellule cutanee. Ciò aiuta a far appiattire le lesioni psoriasiche e a rimuovere le squame. Per fare in modo che la vitamina D sintetica funzioni adeguatamente, solitamente viene somministrata per almeno 2-3 settimane. Il trattamento topico con vitamina D si presenta in varie formulazioni (creme, lozioni) ed è spesso abbinato ad una terapia topica con uno steroide. Potenziali effetti collaterali della vitamina D per uso topico sono: irritazione cutanea, sensazione di dolore o bruciore.

Combinazioni di steroide e vitamina D

Alcuni trattamenti topici uniscono in un solo prodotto vitamina D sintetica e steroidi. Si ottiene così sia l'effetto di riduzione dell'infiammazione grazie all’azione degli steroidi sia il rallentamento della crescita delle cellule cutanee dovuto alla vitamina D. I prodotti combinati si presentano sotto forma di gel o unguento. I potenziali effetti collaterali sono gli stessi descritti sopra per gli steroidi e per la vitamina D sintetica. Tuttavia, combinando i due principi attivi, è possibile ridurre alcuni di questi effetti collaterali, perché gli steroidi riescono a mitigare l’irritazione cutanea che può essere causata dalla vitamina D, mentre quest’ultima può ridurre l’atrofia cutanea che può essere causata dagli steroidi.

Retinoidi

I retinoidi sono una forma sintetica di vitamina A, che possono influire sull’autoregolazione cellulare, controllando così la riproduzione delle cellule cutanee e rallentandone la crescita. Tra i potenziali effetti collaterali dei retinoidi per uso topico figurano l’irritazione cutanea e la secchezza della pelle. I retinoidi rendono inoltre la pelle più sensibile alla luce solare, per cui durante i trattamenti con questi principi attivi è importante usare protezioni solari o abbigliamento protettivo.

Antralinai

L’antralina è la versione sintetica di una sostanza chimica ricavata dalla corteccia dell’albero araroba. Se applicata sulla pelle, ha l’effetto di ridurre la rapida crescita di cellule cutanee che caratterizza la psoriasi a placche.

L’antralina può potenzialmente causare irritazione cutanea, può macchiare gli abiti e scolorire pelle e capelli. Non sono ancora noti i suoi possibili effetti collaterali a lungo termine.

Torna su