Dolce morbido alle noci

Ingredienti per 2 persone:

125 g di farina tipo 0
1 uovo
50g di zucchero di canna
25ml di olio extravergine di oliva
125ml di latte parzialmente scremato
50g di gherigli di noci
5g di lievito in polvere
un pizzico di sale
zucchero a velo per guarnire

Preparazione:

Sbollentare per qualche minuto i gherigli di noce, sgocciolarli, privarli della pellicina e tritarli grossolanamente (tenendo da parte alcuni gherigli interi). In una ciotola, con una frusta, sbattere l’uovo con lo zucchero per qualche minuto, aggiungere il latte e l’Olio Extravergine di Oliva. A questo punto aggiungere poco alla volta la farina mescolando lentamente. Incorporare all’impasto le noci tritate e il sale e amalgamare bene tutti gli ingredienti. Aggiungere infine il lievito. Versare l’impasto in uno stampo per dolci precedentemente imburrato e infarinato, disporvi sopra i gherigli di noce tenuti da parte e fare cuocere nel forno preriscaldato a 180° C per circa un’ora. Sfornare, far raffreddare e cospargere con lo zucchero a velo.

Consigli nutrizionali:

La “Ciambella alle noci” è un delizioso dolce, ottimo per chi è amante delle noci. Una porzione apporta circa 255 Kcal, poche proteine (~6 g) e un discreto apporto di carboidrati (31,4 g). L'apporto di macronutrienti non è perciò perfettamente bilanciato. Grazie ad importanti componenti ad azione antiossidante e al basso apporto in acidi grassi monoinsaturi (in particolare l’oleico 7,9 g per 100 g di noci) e polinsaturi (linoleico 28,8 g linolenico 5,6 g , per 100 g di noci), forniti dalle noci, una porzione di “Ciambella alle noci” è un delizioso dolce anche per i soggetti con problemi di psoriasi. Dato il contenuto calorico però, il consumo della “Ciambella alle noci” resta una trasgressione che possiamo concederci una volta alla settimana, bilanciando l’eccesso di calorie con una passeggiata in più!

Perché le noci

L’ingrediente principale della ricetta sono le noci. La parola "noce" è intesa comunemente per indicare la parte commestibile del frutto dell'albero del noce (Juglans regia). Le noci hanno una matrice complessa, sono ricche di acidi grassi insaturi, componenti bioattive (fitosteroli e composti fenolici), proteine vegetali, fibre, vitamine (acido folico, niacina, tocoferoli, e vitamina B6) e minerali (calcio, magnesio e potassio). In virtù della loro particolare composizione, le noci hanno un impatto benefico sulla salute del soggetto con la psoriasi. Diversi studi epidemiologici hanno associato il consumo di noci con una ridotta incidenza di malattia coronarica, diabete mellito di tipo II e ipertensione, tutte comorbidità importanti nel soggetto psoriasico. Analizzando la componente grassa delle noci, il contenuto in acidi grassi saturi è basso (4-16%) e quasi la metà del tenore di materia grassa totale è costituita da acidi grassi insaturi e monoinsaturi (MUFA 9.54%). Le noci sono considerate un alimento completo con il più alto contenuto (6.64%) in Omega-3 di tutte le piante commestibili. Contengono inoltre steroli vegetali o fitosteroli, i quali, interferendo con l'assorbimento del colesterolo, sono responsabili dell’effetto ipocolesterolemizzante. Sono una fonte eccellente di proteine (circa il 25% dell’energia totale) con un alto contenuto in L-arginina (2003 mg/100 g di parte edibile), aminoacido precursore dell’ossido nitrico (NO), un vasodilatatore endogeno, il quale contribuisce a migliorare la reattività vascolare. Le noci sono anche una buona fonte di fibra alimentare, che varia da 4 a 11 g per 100 g. Per quanto riguarda i sali minerali, troviamo un elevato apporto di calcio (83mg/100 g), magnesio (131mg/100 g), potassio (368mg/100 g), selenio (3,1µg/100 g) con un basso apporto di sodio (2mg/100 g). Le noci, rappresentano un ottimo spuntino per chi soffre di psoriasi. Le componenti bioattive e il contenuto i n Omega-3 rendono infatti questo alimento un buon antinfiammatorio consumato nell’ambito di una dieta normocalorica o ipocalorica (nel caso di un soggetto sovrappeso o obeso).