Psoriasi: No all'imbarazzo, Si alla fiducia in sé stessi

psoriasi imbarazzo fiducia

Gestire il disagio e l'imbarazzo

Se ti capitato di vergognarti a causa della psoriasi, non sei l’unico. Provare vergogna ed imbarazzo può essere comune fra chi ne soffre, eppure non dovresti provare questo sentimento, come per ogni altra malattia. In effetti, un recente studio ha mostrato che il 73% dei soggetti affetti da psoriasi riferisce di sentirsi a disagio a causa della propria condizione.

Sebbene provare imbarazzo per la psoriasi sia assolutamente normale, riuscire a gestire questi sentimenti, affinché non incidano sull'efficacia della terapia o sulla qualità di vita, può essere importante.

Convivere con la psoriasi può essere difficile

L’impatto emotivo di una vita con una patologia cutanea cronica non va sottovalutato. Se ti preoccupi troppo del tuo aspetto fisico, ciò potrebbe intralciare la vita lavorativa, o ostacolarti nella socializzazione, nel fare nuove amicizie e nell’instaurare relazioni. Infatti, se ti vergogni della tua malattia, la vorrai tenere nascosta e ciò, nel tempo, è emotivamente logorante.

Vi sono anche considerazioni fisiche. Se nascondi sempre la psoriasi con maniche lunghe, pantaloni e sciarpe, non solo avrai molto caldo in estate, ma la tua pelle sarà meno esposta alla luce solare; i raggi del sole invece possono avere un impatto positivo sulla psoriasi, a condizione di evitare di scottarsi proteggendosi con filtri solari.

La fiducia in se stessi è importante

Sebbene provare imbarazzo per la psoriasi sia assolutamente normale, riuscire a gestire questi sentimenti, affinché non incidano sulla terapia o sulla qualità di vita, può essere importante. Anche se evitare situazioni che ti mettono ansia potrebbe sembrare una strategia saggia, i benefici che ne derivano durano poco. Invece di alleviare il disagio, evitare le situazioni difficili può accentuare la preoccupazione per il proprio aspetto fisico ed accrescere l’ansia.

Se pensi di non riuscire a trovare un modo per gestire la vergogna e l’ansia, consulta il tuo dermatologo, che saprà aiutarti o indirizzarti ad uno specialista.

Vuoi leggere di più?